» Curiosità » Parigi e New York: la moda a confronto!

Parigi e New York: la moda a confronto!

“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”. Non è quello che succede anche con gli stili? Diversi, e dalle radici spesso lontane nel tempo, gli stili della moda, da città a città cambiano … si trasformano.

Oggi vogliamo mettere a confronto due stili diciamo così … opposti! Quello chic della romantica ed elegante Parigi e quello sporty della caotica ed eclettica New York.

Moda a Parigi

Per dare un inizio alla moda francese dobbiamo risalire alle corti francesi di Maria Antonietta e del re Sole. Tranquilli, nessuna lezione di storia in arrivo! Piuttosto, un piccolo passo indietro nel tempo quando le signore dovevano indossare il Tournure: per evidenziare sotto grandi gonne lunghe il “posteriore” dando origine a uno stile chiamato Cul de Paris (sedere parigino) per l’esattezza!

Fortunatamente, piu tardi, grazie (ma proprio grazie!) a nuovi modi di espressione di una società sempre in movimento nascono nuove mode ed emergono le principali firme di allora: la Maison Callot (1825), delle sorelle Callot e la Maison Jacques Doucet e finalmente via il doloroso busto rigido!

Tuttavia, alcuni tratti del passato sono senza tempo e li ritroviamo nella raffinatezza e nell’eleganza dello stile tipico di questa città: camicette, vestitini impreziositi da pizzi e merletti, cappotti corti di lana e mantelle dai colori pastello e poi ancora ballerine, décolleté, tronchetti … Tra gli accessori, i cappelli in stile “borsalino”, ma anche foulard e sciarpe, guanti in pelle … beh sì la lista è davvero lunga per un perfetto stile bon ton.

Ma anche l’uomo francese ha un suo stile unico. Camicia, pantaloni a sigaretta, mocassini o stringate e anche per lui foulard e sciarpe da abbinare con l´immancabile caban e tanto tanto fascino parigino.

Ops! Quasi dimenticavo … le “parigine”: i collant simbolo di femminilità e sensualità. Il vostro lui le apprezzerà sicuramente!

French style

Photo by Vanessa p. on Flickr, licensed under CC contents

New York style

Cosa dire dello stile americano invece? Beh New York è la rappresentazione perfetta di un mix and match di culture e di stili. Perché la moda americana è stata influenzata, e lo è tuttora, dalle tante culture che giorno dopo giorno si riversano per le strade di questa fantastica città: influenze e ispirazioni che provengono soprattutto dalla musica, rock, jazz, rap e hip hop. Generi diversi ma che hanno contribuito a plasmare stili di vita, atteggiamenti, linguaggio e, inevitabilmente, la moda.

Una moda sportiva, semplice e soprattutto facile da indossare. Tessuti e colori mischiati liberamente, per una donna dallo spirito international. Un tripudio di forme e dettagli decorativi grintosi e stravaganti. Per uno streetstyle underground impeccabile non possono mancare basic t-shirt da abbinare con felpe multicolore, sneakers alte e baggy jeans o, perché no, con un paio di pantaloni da tuta sportivi. Non temete di sembrare poco alla moda, anzi, lo stile casual americano è in grado di regalarvi un look fresco e super trendy! Collane e bracciali in pelle o metallo, renderanno il vostro outfit ancora più interessante.

E qual è il capo d’abbigliamento da uomo che contraddistingue l’american boy? Senza alcun dubbio, la tipica giacca in stile college che fonde classico e casual in modo equilibrato. Quante ne abbiamo viste nei film e nelle serie tv? E’ davvero un cult dell’immaginario americano!

Photo by Vanessa Hutd on Flickr, licensed under CC contents

Photo by Vanessa Hutd on Flickr, licensed under CC contents

La moda però è imprevedibile e, a volte, va oltre ogni schema e localizzazione geografica. La stilista americana Corrie Nielsen ha infatti portato sulle passerelle della Settimana della moda di Parigi una collezione che si discosta da entrambi i generi e si afferma in stile futuristico con modelli ispirati a film quali Blade Runner e il Quinto Elemento: tagli eccentrici, geometrie e volumi, valorizzati da trasparenze e dalle tinte oro e bronzo per un look che incuriosisce e ammalia.

Insomma, preferite dare al vostro armadio un tocco più parigino o americano o forse … futuristico?