» Beyond fashion » Lifestyle » Lo stile vien dal nord

Lo stile vien dal nord

Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia, terre delle tenebre e delle notti interminabili, ma anche del sole che, per sei mesi all’anno, a dormire proprio non ci vuole andare. Ed è proprio al sole che questi paesi mi fanno pensare, in questa prima giornata di primavera.

Poco importa se si tratta di musica, moda, o arredamento, oggigiorno è praticamente impossibile lanciare un sassolino da una qualsiasi nuvola scandinava senza colpire un trend-setter. Non che vogliate veramente colpirne uno, chiaro, ma sembra davvero che tutte le tendenze, ultimamente, provengano proprio dalle quelle latititudini.

Andiamo con ordine e vediamo cosa offre il panorama scandinavo in fatto di moda, arredamento, e musica.

MODA
La moda scandinava si caratterizza per la sua essenzialità. Viene quasi da pensare che gli abiti dai colori tenui e monocromatici, che da quelle parti vengono largamente utilizzati, vengano indossati per non creare troppo contrasto con la neve che per diversi mesi all’anno ricopre il suolo nordico.

Tra i fashion designer scandinavi che stanno facendo più parlare di sé troviamo IvanaHelsinki, che alla New York Fashion Week di quest’anno ha portato i suoi capi dal gusto urban chic. Anche i marchi Fin, Why Red, Odd Molly e Minimarket, tuttavia, vanno tenuti sott’occhio.

ARREDAMENTO
L’arredamento d’interni di questi paesi trasmette un calore avvolgente. La casa è un ambiente sacro: accogliente e curata nei minimi particolari. Adatta, insomma, a proteggere chiunque vi ci abiti dalle rigide temperature invernali.

Nelle case, dai pavimenti (e spesso anche le pareti) rigorosamente in legno, non sarà difficile trovare tendine di pizzo alle finestre e vasi di fiori in ogni angolo. Il bianco, inoltre, riposante ed armonioso, regna sovrano.

L’arredamento scandinavo va ben oltre IKEA. Avete mai sentito parlare della catena danese di articoli per la casa Søstrene Grene, dei negozi svedesi Indiska, o del designer finlandese Marimekko, da anni famoso in tutto il mondo?

MUSICA
So a cosa state pensando…
No, non vi sto per parlare degli ABBA.
La Scandinavia è ora patria dell’indie pop, ossia, per citare una mia amica a cui alcuni anni fa chiesi di cosa si trattasse, “pop alternativo, suonato da band poco conosciute”.

Se non avete mai sentito parlare delle Those Dancing Days, un quintetto di ragazze di Stoccolma, di Taken By Trees, di Friday Bridge, dei Museum de Bellas Artes dei Lo-Fi-Fnk, vi consiglio di aprire il vostro Spotify (guarda un po’, anche questo svedese), di collegare il vostro computer all’impianto stereo del salone, e di lasciarvi trasportare dal ritmo coinvolgente.

Se siete invece per ritmi un po’ più sostenuti, per i beats elettronici, cercate i norvegesi Casiokids o la svedese Lykke Li, che alcuni di voi già conosceranno per la canzone “I Follow Rivers”.

Shhh….Vi svelo un piccolo segreto.  “Lykke Li” non è una parola di derivazione elfica, in svedese vuol dire “felice”! Ed è felici che le sue note vi renderanno.