» Beyond fashion » Interviste » Intervista a Valentina Domenichelli: Bijoux designer

Intervista a Valentina Domenichelli: Bijoux designer

Gioielli Valentina Domenichelli

Bijoux unici nel loro genere. Immagini di teschi, bottoni… questi sono solo alcuni degli elementi che fanno delle creazioni di Valentina Domenichelli degli oggetti ricercati. Passione nata forse da un rapporto affettuoso con il nonno che le ha trasmesso l’amore per il “Mondo dei minerali”, come si chiama il suo laboratorio dove fonde la naturale bellezza dei minerali con oggetti della quotidianità e materiali pregiati come pietre rare, minerali e fossili. Con quest’intervista vogliamo chiederle qual è stato l’evento determinante che le ha fatto prendere in mano un’attività avviata più di 40 anni fa.

Gioielli Valentina Domenichelli

Valentina, iniziamo con la domanda che ci stiamo facendo tutti. Come mai teschi e bottoni sono gli elementi principali delle tue creazioni?
Mi piace l’idea del riciclo, l’idea che gli oggetti che prima avevano una determinata funzione e l’hanno persa (come i tasti delle macchine da scrivere di una volta) non vadano buttati, che possano acquisire un nuovo valore non solo estetico ma anche etico, inteso come “ecologico”. I teschi invece, come nella tradizione messicana, sono dei “memento mori” che ci ricordano chi siamo e dove andiamo a finire, sono un simbolo molto ‘democratico’.

Gioielli Valentina Domenichelli

Utilizzi anche minerali? E se sì, quali?
Riguardo ai minerali, alle pietre, amo i contrasti. Uso sia pietre nere e opache come l’onice, sia quarzi trasparentissimi. Amo la labradorite per la sua cangianza e il granato, una pietra molto “vintage”.

A cosa ti ispiri per realizzare i tuoi gioielli?
Mi ispiro agli anni ’70, prendendo spunto dai gioielli che indossavano i miei genitori. Mi piacciono le manifatture del passato che rendevano ogni pezzo unico e non riproducibile. Mi piacciono i gioielli che lasciano trasparire la manualità e l’estro dell’artigiano che li ha realizzati.

Gioielli Valentina Domenichelli

Adesso gestisci il “Mondo dei minerali”, il negozio di tuo nonno. Un bel salto generazionale. Immagino abbia richiesto una buona dose di coraggio. Come mai hai fatto questa scelta?
All’interno del “Mondo dei Minerali” ci sono cresciuta ed è stato facile per me inserirmi in questo spazio che ha già una buona base, dal momento che è presente sul mercato da 40 anni. Io ho cercato di aggiungere un po’ della mia personalità e credo che con l’impegno e la costanza si possa crescere in meglio.

Gioielli Valentina Domenichelli

Pensi che l’e-commerce sia un valido alleato per il tuo business?
Sì penso che sia utile e fondamentale per farsi conoscere e ampliare i contatti.

Cosa rendono i tuoi gioielli esclusivi secondo te?
É la tecnica che uso a rendere “diversi” gli oggetti che realizzo. Con la tecnica delle cera persa creo con le mani una microscultura che non ha il carattere freddo dei gioielli realizzati a stampo o con dei macchinari. Il modello in cera viene sostituito, al momento della fusione, con il metallo prescelto, la cera viene quindi “persa” e questo rende ogni oggetto unico e irripetibile.

A che pubblico ti dedichi o ti vorresti dedicare?
Non un ho pubblico a cui punto, mi piace vedere le persone felici quando indossano un mio gioiello e soddisfatte quando vedono realizzata l’idea di quello che desideravano.

gioielli Valentina Domenichelli

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Spero che questa mia passione diventi sempre di più un lavoro concreto e dato che etimologicamente la parola gioiello sembra derivare dal francese jeu (gioco), spero di non smettere mai di divertirmi e di ‘giocare’ a fare questo lavoro.

Grazie mille per la bella chiaccherata Valentina!