» Talenti emergenti » Fioremì, il cuore in ogni gioiello

Fioremì, il cuore in ogni gioiello

Oggi abbiamo intervistato un talento emergente nell’ambito della produzione di gioielli, Mirella Fiore. Il suo brand, Fioremì, si caratterizza per la cura di ogni singolo dettaglio e per l’accostamento di cromatismi e figure geometriche che mirano ad esaltare la bellezza femminile. Ecco la sua storia.

Mirella, raccontaci un po’ di te e di come è nato il tuo brand.
I gioielli Fioremì nascono 6 anni fa da una bellissima storia d’amore. All’epoca mi trovavo a Cork, in Irlanda, dove lavoravo in qualità di trainee per uno studio legale. Colpo di fulmine con l’avvocato manager del mio studio e, BOOM, parte la storia, subito. Storia bellissima, la più bella della mia vita! Finito lo stage, torno in Italia senza sapere come fare per poterla portare avanti. Dovevo a tutti i costi trovare un modo. Impresa non priva di ostacoli, considerando che avevo solo 23 anni e non ero economicamente indipendente.

Penso e ripenso a come riavvicinarmi a lui e, una notte, mi sveglio con quest’idea in testa: creare gioielli, che fin da bambina erano sempre stati la mia passione, per poi venderli in Irlanda. Mi metto subito alla ricerca di distributori di pietre dure e cristalli in giro per l’Italia e preparo un campionario.

Dopo 20 giorni mi trovavo già nuovamente in Irlanda ad andare in giro per negozi per proporre il mio campionario, ed il giorno  stesso, il primo da quando ero tornata, un bellissimo negozio di Cork ed una catena irlandese decisero di ordinarli. Questo mi ha concesso di continuare la mia storia d’amore. Ogni mese prendevo l’aereo per portare i gioielli a Cork, in modo da poter trascorrere qualche giorno con lui.

Dove hai imparato a confezionare gioeilli?
Sono assolutamente autodidatta. Nella maggior parte dei casi ho fatto alcune ricerche su come finire e perfezionare le mie creazioni, in altri ho usato la fantasia.

A chi si rivolgono i tuoi prodotti?
I miei prodotti si rivolgono a donne di ogni età, dalle teenager alle signore mature, e mirano ad esaltare la bellezza di ogni donna in un crescendo di cromatismi e figure geometriche. Credo che il fattore determinante nella scelta di un prodotto sia il gusto, in questo caso l’accostamento di pietre e di colori. Nel momento in cui il prodotto è di gusto, se una donna osa, osa a qualunque età.

Immagino che la scelta dei materiali per le tue creazioni sia un aspetto molto importante. Ci puoi spiegare come avviene?
È tutta una questione di occhio: nel momento stesso in cui vedo le pietre, ho già in mente come sistemarle. Vedo già, nella mia testa, il prodotto finito.

bracciali Fioremì

Cosa stai imparando da questa esperienza?
Da questa esperienza ho imparato innanzitutto l’importanza per i dettagli, che fanno sempre la differenza. Un bel gioiello può cambiare del tutto la percezione di una donna da parte di terzi. Da un gioiello si capisce tanto della persona che lo indossa, della sua personalità, e del modo in cui si pone agli altri.

Ho imparato anche che, quando veramente vuoi una cosa, con anima e cuore, trovi sempre un modo per realizzarla. Col senno di poi, 6 anni dopo, rileggo in tutto quello che mi è successo una traccia del destino: era destino che io andassi in Irlanda a fare quello stage, era destino che io incontrassi quell’uomo che mi ha cambiato la vita. Tutto questo mi ha permesso anche di scoprire un talento che, altrimenti, sarebbe probabilmente rimasto in un cassetto per sempre.

collane Fioremì

Quale consiglio daresti ai giovani che vorrebbero intraprendere la tua stessa strada?
In genere il consiglio che do è quello di individuare il proprio talento, ciascuno di noi ne ha uno. Lottare per inseguire un sogno, ingegnarsi e non arrendersi mai. La grinta,poi, è fondamentale, in ogni aspetto della vita. Niente succede per caso, bisogna solo cominciare a leggere i dettagli della quotidianità, e non ignorarli, come tutti tendiamo a fare.

Un altro consiglio che tendo a dare è quello di essere se stessi, sempre, in ogni cosa che si produce, senza dover a tutti i costi inseguire il concetto di “moda” stabilito dagli altri. In ogni mia creazione c’è un po’ di me, della mia personalità. Ogni creazione è espressione della mia idea di donna, e non di quella che la società offre. Un prodotto deve rispecchiare la persona che lo crea, solo così potrà essere valutato come “vero” e speciale da chi sceglie di indossarlo. Solo cosi riuscirà a trasmettere un’emozione.

Proprio perché i miei gioielli sono nati dall’amore, e perché ogni singolo pezzo è creato con amore per il dettaglio, che spero portino fortuna a tutte le donne che li indossano, come è stato per me.