» Consigli di stile » Black tie, quando e come indossare lo smoking!

Black tie, quando e come indossare lo smoking!

Dopo più di un secolo e nonostante i cambiamenti della moda, lo smoking, che ha mantenuto lo stesso aspetto, rimane l’abito formale più elegante che un uomo possa avere nel suo guardaroba. Forse raramente vi è capitato di leggere su un invito dress code: black tie, ma questa dicitura significa una cosa ben precisa, non avete scampo, lo smoking va indossato poiché è richiesto agli invitati e sarebbe molto scortese presentarsi senza. Quindi ragazzi, se non avete mai posseduto lo smoking, il consiglio è di procurarvene uno perché prima o poi l’occasione giusta arriva, e voi non dovrete esserne sprovvisti. Procurarsi lo smoking, in che modo? Potreste avvalervi di tre possibilità: meglio spendere un po’ di più ed affidarsi ad un sarto, piuttosto che acquistarne uno a scatola chiusa; affittarne uno con tutti gli accessori oppure non presentarsi all’evento. Non spaventatevi se non avete mai indossato lo smoking, perché le regole di questo dress code sono molto chiare e precise che non potete assolutamente sbagliarvi. La prima regola è mai indossarlo prima delle ore 18 e solamente se l’invito lo richiede, perché appunto non si indossa in tutte le occasioni, soprattutto non dovete assolutamente utilizzarlo come abito da cerimonia. Per quale motivo? Perché lo smoking nasce come giacca da camera, per gli eventi del dopo cena; gli aristocratici dell’Ottocento la indossavano nelle stanze dei fumatori per proteggere l’abito dall’odore del fumo. Quindi se l’occasione o l’evento speciale è dopocena come una festa, un ballo oppure una prima a teatro o all’opera utilizzate lo smoking, mentre se l’occasione è un matrimonio o comunque una cerimonia diurna, l’abito per eccellenza era e rimane il tight.

Smoking

Photo by curlsdiva on Flickr, licensed under CC contents

Gli elementi indispensabili e caratteristica del black tie sono gli inserti in raso lucido sui revers della giacca, nei bordini delle tasche, nei bottoni, nella cintura e nei fianchi del pantalone. La tradizione vuole che lo indossiate con la fusciacca, una fascia in vita o il panciotto, un gilet. L’abbottonatura può essere monopetto o doppiopetto e il disegno del collo può differenziarsi dal modello con le punte a lancia a quello a scialle. La camicia deve essere rigorosamente bianca, con l’abbottonatura nascosta e deve possedere doppi polsini in cui infilare i gemelli. Il papillon di seta nera annodato a mano completerà l’abito.

Photo by Kent Wangon Flickr, licensed under CC contents

Photo by Kent Wangon Flickr, licensed under CC contents

Non vi venga in mente ragazzi, di mettere al posto del papillon, la cravatta! Sarebbe proprio una caduta di stile! Le calzature tradizionali per lo smoking sono nere modello Oxford di vernice con l’obbligo delle calze nere e, se la stagione è fredda e la temperatura è piuttosto bassa, scordatevi il piumino, perché l’unica cosa che potete indossare sopra lo smoking è un semplice cappotto nero, lungo fino al ginocchio dalla linea dritta e leggermente lucido. Per quanto riguarda il colore, in alternativa al nero inchiostro, potete optare solo per il blu midnight. Infine, l’unico accessorio da poter indossare e, che invece una volta era considerato molto scortese, è l’orologio, non da polso ma da taschino. E se poi, volete aggiungere il tocco di classe, posizionate il fazzoletto bianco nel taschino della giacca, sarete elegantissimi! Poche ma semplici regole, prendete appunti! Zalando vi consiglia, vi veste e poi vi augura una buona serata assicurandovi così il figurone!