» Beyond fashion » A tu per tu con i campioni di stile Valentina Vezzali e Andrea Zanardelli

A tu per tu con i campioni di stile Valentina Vezzali e Andrea Zanardelli

Terminati i mesi invernali durante i quali le basse temperature non stimolano affatto la voglia di svolgere attività outdoor, finalmente è arrivata la bella stagione e rassegniamoci al fatto che… la famigerata prova costume sia più vicina di quanto si possa immaginare!

Lungi da noi l’intenzione di gettarvi nel panico e di consigliare smodate sessioni di attività fisica accompagnate da diete drastiche: possiamo invece suggerire di approfittare del clima piacevole per riprendere lo svolgimento dell’attività sportiva, indossando l’abbigliamento appropriato.

Cresce infatti sempre più il numero degli sportivi che indossa indumenti alla moda durante lo svolgimento dell’attività sportiva. A tal proposito, chi potrebbe consigliarci come dare un tocco sportivo al nostro guardaroba, se non due tra gli atleti italiani più conosciuti e vincenti e a livello mondiale? Ecco i loro consigli, non solo per praticare attività fisica, ma anche per aggiungere accessori casual e tech di tendenza per i nostri outfit.

Abbiamo realizzato un’intervista doppia alla campionessa mondiale di scherma Valentina Vezzali, l’azzurra più vincente di tutti i tempi, mamma e donna attiva sia politicamente, sia in campo sociale e al golfista di fama mondiale Andrea Zanardelli, professionista dal 1999 ed insegnante noto a livello internazionale, appartenente alla celebre scuola golfistica dell’americano Chuck Cook. Entrambi hanno rivelato interessanti curiosità sul modo di personalizzare il proprio stile, infatti si distinguono dagli altri sportivi non solo per le loro eccezionali abilità sul campo, bensì per la cura del look e l’attenzione verso i dettagli. Prossimamente anche gli sport blogger più attivi della rete sveleranno in un’intervista sul nostro blog quali sono gli sportivi italiani che si sono distinti sia per i meriti sul campo sia per lo stile.

Ognuno di noi, quando viaggia per lavoro o per diletto, sicuramente porta con sé un oggetto a cui non può rinunciare: il must have di Valentina Vezzali è il tablet che, come dichiara la campionessa, «mi consente di rimanere in contatto con la mia famiglia e con il mondo». Andrea Zanardelli, invece, afferma che l’accessorio che non può mancare nella sua sacca è il cappellino con il logo ricamato della sua scuola che «rappresenta il mio brand e, indossandolo, attiva la mia personalità professionale. Quando gioco o insegno, mi sentirei nudo se non lo indossassi».

Anche nelle giornate più formali, il comfort la fa da padrone per entrambi: infatti la Vezzali non rinuncia ad almeno un capo o accessorio sportivo, comodo e pratico anche nelle occasioni più importanti; ciò vale anche per Zanardelli che pur non ritendendosi un esteta e non avendo particolari velleità, ci tiene molto al look quotidiano: sia esso classico, sia esso streetwear: vi è una costante attenzione ai dettagli e agli abbinamenti, seppur il look sia minimale ma attentamente curato.

Per quanto concerne la scelta e le caratteristiche dei capi sportivi da indossare, Valentina Vezzali predilige «capi confortevoli, ma che al contempo esaltino la femminilità», mentre Andrea Zanardelli preferisce «capi caratterizzati da materiali tecnici e funzionali, ma allo stesso tempo dotati di stile e personalità, con un particolare riguardo verso l’elasticità dei materiali, caratteristica fondamentale e determinante nell’abbigliamento golfistico».

Com’è possibile personalizzare il proprio look durante le competizioni agonistiche in cui esistono, per ciascuno sport, specifici regolamentazioni sull’abbigliamento? La grande campionessa mondiale del fioretto, in pedana, dove la divisa e il casco sono omologati per tutti gli atleti, opta per una personalizzazione sobria del giubbetto elettrico, con il logotipo Vezzali Ita posto sulla schiena. Andrea Zanardelli, invece, personalizza il proprio stile indossando una cintura bianca, in tinta con le scarpe indossate sul green: sobrietà ed eleganza la fanno da padrone anche in questo caso.